Progetto cani talpa


L’idea di questo progetto è nata parecchi anni fa, dopo un fatto che ha tenuto incollato davanti al televisore, un gran numero di persone che, impotenti, hanno assistito per ore e ore  ai drammatici tentativi di salvare un bambino caduto in una voragine del terreno.

Da allora, è nata la voglia di trovare un modo, per avere la possibilità di raggiungere la persona incastrata sotto il crollo di un edificio, o scivolata accidentalmente dentro uno stretto cunicolo, di esserle vicino, parlarle, verificare le sue condizioni, e capire il punto esatto di dove si trova.

 Gli innumerevoli tentativi ed esperimenti, ci hanno portato a studiare un metodo per addestrare dei cani da soccorso, ad abituarli a cercare in tutta autonomia, in un ambiente buio,  polveroso,   fangoso,  pieno di incognite, di rumori assordanti, macerie  pericolanti e ogni sorta di ostacoli.

Grazie al contributo del Centro Servizi per il Volontariato e Volontari Insieme della Provincia di Treviso è iniziato questo ambizioso progetto unico nel suo genere: addestrare cani da soccorso, muniti di una microcamera audio-video e sensore per la sua localizzazione.

N.G.

Dopo gli incontri preliminari, le spiegazioni, e gli scambi di idee, sono iniziate le prime fasi dell'addestramento :

L’invio in avanti, ovvero insegnare al cane a seguire in autonomia,  il percorso tra il punto A e il punto B…

L’arrivo…


… abituare il cane ad attraversare un tunnel semplice …

Per il successivo passaggio alla struttura appositamente studiata e costruita per il Progetto Cani Talpa, determinante nella preparazione e formazione delle Unità Cinofile partecipanti al progetto


La struttura è apribile ed accessibile dall’esterno, per consentire ai conduttori di seguire ed eventualmente aiutare il cane, (le prime volte) a superare le difficoltà determinate dal buio e dagli ostacoli in essa contenuti 


Alla quale  è stato aggiunto un tunnel in entrata…


… e in uscita, con varie diramazioni, in modo da permettere al cane di selezionare autonomamente il percorso olfattivo  per raggiungere il figurante

e il meritato premio ….

successivamente, si è passati all’addestramento delle Unità Cinofile  con  verricello (discesa/risalita  di 3 piani)

e, con cesta (3/4 mt)….


Per raggiungere i tunnel sotto la zona macerie, all’interno dei quali  sono stati “aggiunti”   fumo (non tossico), acqua e rumori (tramite diffusori)


Nota: è accaduto spesso che i nostri amici, terminata la ricerca sotterranea, si siano affacciati all’esterno per vedere dove si trovavano i loro conduttori, e tornare sui loro passi, a farsi un altro “giro” all’interno dei tunnel…


Delle 35 Unità Cinofile da Soccorso partecipanti, alla fine del percorso/progetto, hanno superato l'esame 2 u.c.s. della C.R.I. e 5 della u.c.s. La Marca, che potranno fregiarsi del logo

Questo logo è stato realizzato dai ragazzi dell'Istituto di Correzione Minorile di Treviso

Nota: A cosa è servito questo progetto, e quale è stato il risultato? 

Questo progetto, anche se non applicato/utilizzato nella realtà (ricerche reali), ha prodotto comunque dei risultati, verificati durante le simulazioni/addestramenti di ricerca su macerie, quando i “cani talpa” (che hanno superato l'esame) trovandosi in presenza di un tunnel e/o varco sotterraneo, non hanno esitato ad entrarvi pur di raggiungere la persona/vittima del crollo (simulato).


Un doveroso ringraziamento a Tutti ma in particolare a Silvio Zuber, che ci ha lasciati fisicamente ma non col Suo essere Esperto Cinofilo ed Indimenticabile Amico. 

Nedo

Cerca nel sito

Precedente: